L'idea di organizzare Workshop Fotografici nasce da esperienze di viaggio fatte con persone non appassionate di fotografia e con esigenze legittime ma diverse dal fotografo. Si sa che la luce migliore è all'alba e al crepuscolo, brevi momenti in cui il fotografo vuole essere pronto e nel posto giusto per catturare questi baci di luce magica ma che puntualmente si perde per l'insofferenza dei non-appassionati di fotografia per i tempi fotografici.

Queste le 10 cose che un non-appassionato di fotografia fa fatica a capire:

  1. Il fotografo vuole partire quando tutti gli altri vogliono rientrare
  2. Un fotografo è sempre alla ricerca della foto giusta
  3. Una foto non è mai sufficiente
  4. Usare una macchina costosa non è certezza di foto migliori
  5. Schiacciare il pulsante di scatto è solo l'inizio
  6. A volte la luce può essere sbagliata per la foto che vuol fare il fotografo
  7. Spesso il flash è più utile in pieno sole
  8. Sdraiarsi per terra spesso permette di fare una foto migliore
  9. Il fotografo sogna di comprarsi una lente o una macchina fotografica che costa come una utilitaria
  10. Spesso lo sfondo è più importante di quello che c'è in primo piano

 

Panoramica Strumenti PS5

1° Consiglio: utilizzare le scorciatoie da tastiera.

Questa panoramica è un'immagine molto utile per memorizzare le scorciatoie da tastiera  degli strumenti di Photoshop raggruppati per funzione: usare le scorciatoie da tastiera velocizza notevolmente il lavoro. Le lettere che vengono utilizzate sono l'iniziale dello strumento in lingua inglese.
Per esempio:

  • S = Stample (Timbro)
  • C = Crop (Taglierina)
  • E = Eraser (Gomma)
  • B = Brush (Pennello)
  • H = Hand (Mano)

L’area di lavoro di Photoshop è suddivisa in settori, ognuno dei quali consente l’accesso a diversi strumenti e funzionalità del software. La analizziamo partendo dall’alto:

Area Lavoro Photoshop

A. Barra Applicazione  B. Barra dei Menu  C. Barra delle Opzioni  D. Pannello Strumenti E. Finestra Documento Aperto  F. Barra del Titolo del  Pannello G. Pulsante Riduci a Icone  H. Area per Ancoraggio Pannelli delle Palette 

 

A. Application Bar/ barra dell'Applicazione

Su questa barra si trovano alcune icone (a partire da sx):

  • Photoshop: permette di accedere ad alcune funzioni come ripristinare, ridurre a icona o chiudere il software
  • Bridge: il software per la visualizzazione e lo scambio di immagini
  • Mini Bridge: è un'estensione che consente di utilizzare le risorse mediante un pannello senza lanciare il programma
  • View Extras/Visualizza Extra: comodo per visualizzare la griglia (View Grid) e i righelli (View Rulers)
  • Zoom Level/Livello Zoom:  imposta la percentuale di zoom di visualizzazione a monitor
  • Arrange Documents/Disponi Documenti: per visualizzare più immagini aperte contemporaneamente.

Strumento usato per confrontare le immagini e molto utile quando serve ottenere la stessa cromia su immagini diverse mentre si eseguono le correzioni

  • Screen Mode/Modalità Schermo: per variare rapidamente la visualizzazione, a disposizione 3 modalità:

- Standard/Normale

- Full Screen with Menu Bar/Schermo Intero con Barra dei Menu

- Full Screen/Schermo Intero)

  • Menu a tendina, in alto a destra: consente di personalizzare l’area di lavoro in base al tipo di lavoro da eseguire. Selezionando le voci presenti nel menu a tendina, palette diverse vengono visualizzate nella barra a destra dell’area di lavoro

Prima di proseguire con altri argomenti e dopo aver descritto l'Area di Lavoro di Photoshop affronterei alcuni aspetti che aiutano a velocizzare il normale flusso di lavoro per partire con il piede giusto e risparmiare molto tempo e fatica.
Per un buon flusso di lavoro (Workfllow):

  • l' Area di Lavoro va tenuta pulita e ordinata con Il Pannello Strumenti  sulla sx dello schermo, l'area centrale libera per visualizzare i documenti aperti e i Pannelli delle Palette sulla dx, come si vede in questa foto

 

Organizzare l'Area di Lavoro in Photoshop

 

Dopo aver parlato di come è composta l'Area di Lavoro e di come Organizzare l' Area di Lavoro in Photoshop, penso sia indispensabile parlare delle 10 Scorciatoie da Tastiera più utilizzate durante il normale flusso di lavoro senza coinvolgere i Livelli di cui parleremo in un articolo dedicato o gli Strumenti di cui abbiamo già scritto.

 

Ecco l'elenco della TOP TEN:

 Azione

 Scorciatoia da Tastiera

1. Per Creare una  Nuova Immagine:

 - Cmd + N  (Mac OS)
 - Ctrl  + N  (Win)

2. Per Aprire  un'Immagine:

 - Cmd + O  (Mac OS)
 - Ctrl  + O  (Win)

3. Per controllare o variare la Dimensione Immagine:

 - Opt + Cmd + I  (Mac OS)
 - Alt  + Ctrl  + I  (Win)

4. Per variare la Dimensione e Colore del Quadro:

 - Opt + Cmd + C  (Mac OS)
 - Alt  + Ctrl  + C  (Win)

5. Per Selezionare Tutta l'Immagine:

 - Cmd + A  (Mac OS)
 - Ctrl  + A  (Win)

6. Per Deselezionare Tutta l'Immagine:

 - Cmd + D  (Mac OS)
 - Ctrl  + D  (Win)

7. Per Chiudere un'Immagine:

 - Cmd + W  (Mac OS)
 - Ctrl  + W  (Win)

8. Per Stampare un'Immagine:

 - Cmd + P  (Mac OS)
 - Ctrl  + P  (Win)

9. Per Annullare Solo l'Ultima Azione eseguita:

 - Cmd + Z  (Mac OS)
 - Ctrl  + Z  (Win)

10. Per Annullare Molte Azioni eseguite con Passo Indietro:

 - Opt + Cmd + Z  (Mac OS)
 - Alt  + Ctrl  + Z  (Win)

 

Cosa sono i Livelli?

Questa credo sia una delle prime domande che ci si pone quando si inizia ad utilizzare Photoshop dopo aver capito la disposizione dell'Area di Lavoro e come Organizzare l' Area di Lavoro.

I livelli si possono paragonare ad una serie di fogli virtuali trasparenti e sovrapponibili sul livello di Background/Sfondo che è il livello base contenente la foto originale. Possono avere una sequenza definita dall'utente, lasciare inalterate parti dell'Immagine, modificarne altre e aggiungere uno Stile di Livello Icona Effetti in Photoshop per applicare un effetto come per esempio un'ombra. Riescono a fondersi tra loro con i Metodi di Fusione, con la percentuale di Opacità e di Riempimento. Si possono creare, raggruppare, eliminare e quindi sperimentare senza rovinare la foto originale. In Photoshop il concetto di Layers/Livelli è fondamentale perché è alla base di tutto il procedimento di fotoritocco.

Cos'è la Palette/Pannello dei Livelli?

La Palette dei Livelli gestisce attraverso delle icone le funzionalità dei Livelli, quando si apre un'immagine, due sono le possibilità:

  • se si apre un'immagine nuova scattata da una fotocamera nella Palette Livelli verrà visualizzato un livello unico chiamato di Background/Sfondo, una piccola icona a forma di lucchetto Icona Lucchetto in Photoshop indica che il Livello è bloccato
  • se si apre un' immagine sulla quale sono stati aggiunti testo, forme, regolazioni etc, queste appariranno su vari livelli

Figura 1 - Palette Livelli con Livello Unico

Pannello Livelli di Photoshop 

 

Cosa sono le Maschere di  Livello e a cosa servono?

Le maschere si dividono in due categorie:

  • maschere di livello che possono essere generate da Strumenti di pittura come il pennello o di selezione come lo strumento di selezione rapida, sono immagini bitmap quindi legate alla risoluzione della foto
  • maschere vettoriali che possono essere create con gli Strumenti penna o forma e non dipendono dalla risoluzione dell'immagine e per questo hanno bordi più netti e precisi.

In questo articolo parliamo solamente della maschere di livello che sono uno strumento estremamente utile per nascondere o isolare le parti di livello a cui sono applicate e mostrare i livelli sottostanti.  Sono un sistema per fondere più foto in una sola oppure per applicare correzioni cromatiche, tonali e di contrasto a porzioni di immagine. Sono la base di un fotoritocco professionale e conoscerne le regole apre a tecniche e procedure dai risultati sorprendenti, veloci, precisi ma soprattutto non distruttivi.

Le maschere di livello appaiono come miniature a lato della miniatura del livello a cui si riferiscono.

Molte le tecniche e le cose che si possono fare, in questo tutorial vediamo come si utilizzano le maschere di livello  nel caso volessimo sostituire una porzione di foto, per esempio sostituiamo il cielo della foto sottostante del castello di Neuschwanstein con un cielo più interessante scattato in un altro contesto o momento.

Ecco come sostituire il cielo della Foto 1 in 2 minuti.

 

Maschere di Livello in PS

 Foto 1


Worldwide Photo Walk 2013

Contest – Linee guida

  • Le foto ammesse al contest devono essere state scattate durante la passeggiata, perché tutti abbiano le stesse opportunità e per non creare condizioni di disparità, non si può tornare sul percorso e scattare altre foto.

Che tipo di editing è consentito per le foto presentate al concorso?

Il fotoritocco è consentito ma ecco alcune cose da evitare:
  • I Collage non sono ammessi perché si sta tecnicamente presentando più di una immagine
  • Le foto presentate possono essere modificate, ma  possono includere cose fotografate solo durante il vostro cammino. Ad esempio, non si può inserire  un cielo che è stato scattato in un giorno diverso. Si possono modificare le immagini per renderle in bianco e nero, a raggi infrarossi, aggiungere contrasto e saturazione, rimuovere elementi di disturbo, creare immagini HDR e panorami.

Dopo aver analizzato l' Area di Lavoro e il Pannello Strumenti, iniziamo a lavorare con Photoshop creando un Nuovo Documento o aprendone uno già esistente. Le opzioni che si utilizzano nel nuovo documento sono estremamente importanti. Le impostazioni variano in base alle nostre esigenze cioè allo scopo per cui si sta creando il Nuovo Documento.

 

Photoshop viene fornito con alcuni documenti predefiniti per creare velocemente un documento standard in progetti di uso frequente. Tuttavia, spesso, abbiamo bisogno di lavorare con un formato che non è disponibile nei Preset e quindi dobbiamo impostare il documento inserendo i dati manualmente.

Finestra di Dialogo Preset Nuovo Doc

 Sono appena stati annunciati i vincitori del Red Bull Illume Photo Contest 2013:

  • 1 vincitore assoluto
  • 10 vincitori di categoria
  • 50 finalisti

Quest'anno il concorso ha ricevuto più di 28.000 foto da 6.417 fotografi di 124 paesi.

10 le categorie a concorso: Close Up, Energy, Sperimental, Illumination, Lifestyle, Sequence, Spirit, Wings.

Qui di seguito abbiamo riportato i vincitori di tutte le categorie, tradotto i commenti dei fotografi che spiegano come sono riusciti ad eseguire queste foto spettacolari e inserito qualche aneddotto relativo allo scatto, cosa che spesso non viene riportata.

Se vuoi vedere altre foto finaliste del contest puoi leggere l'articolo con la nostra selezione Le foto più belle del Red Bull Illume 2013

© Lorenz Holder / Red Bull Illume 2013
Con questa immagine Lorenz Holder è il vincitore assoluto del concorso 2013. "Ho trovato questo posto incredibile a Raisting in Germania durante l'estate e ci volevo scattare una foto di snowboard. Ho parlato del posto a Xaver Hoffmann e anche lui era affascinato. La mia idea di scattare con molta neve non era facile da realizzare dal momento che in questo posto aveva nevicato solo una volta la scorsa stagione. Quindi c'era praticamente una sola possibilità per ottenere questo scatto.

Ho usato due grandi flash Elinchrom sullo sfondo per illuminare i fiocchi di neve e creare un muro bianco in cui ho potuto catturare la sagoma di Xaver mentre saltava. Per avere un po' di luce dentro il disco, ho scelto un tempo di esposizione di 4 secondi per sfruttare un po' di luce dalla luna.

Nel complesso, sono molto felice di quello abbiamo fatto quel giorno! " © Lorenz Holder / Red Bull Illume 

 

I vincitori  della 3^ edizione del concorso fotografico Red Bull "Illume" Photo Contest 2013 sono appena stati svelati a Hong Kong:

  • 1 vincitore assoluto
  • 10 vincitori di categoria
  • 50 finalisti

Il concorso ha invitato i fotografi a presentare immagini del mondo di azione e di sport estremi in una delle 10 categorie, tra cui Energy, Illumination, Sequence e Experimental ( in cui è consentita la manipolazione digitale ). Quest'anno il concorso ha ricevuto più di 28.000 foto da 6.417 fotografi di 124 paesi.

Qui di seguito ci sono alcune delle immagini vincitrici e finaliste, accompagnate dagli aneddoti che sempre si celano dietro uno scatto con le parole degli stessi fotografi.

 

© Stuart Gibson / Red Bull Illume 2013

La foto di Stuart Gibson mentre riprende Sean Woolnough su un'onda in Namotu Island nelle Fiji, è stata finalista nella categoria Spirit .
" Sean Woolnough ed io eravamo nelle Isole Fiji in cerca di un'onda lunga. Questa è più di una ondata di traino, come si può vedere, remare su quest' onda puo' non finire bene. Ho lasciato Sean in cima al reef, mentre l'oceano si era appiattito come se qualcuno avesse chiuso il rubinetto. Mentre Sean era seduto pazientemente vidi una grossa onda arrivare. Iniziai a urlare, ma da dove si trovava sulla scogliera Sean non aveva alcun riferimento così aspetto'. L'onda lo manco', e quando guardai indietro, questo grumo blu profondo inizio' quasi a risucchiarlo sotto l'onda, fece un grosso duckdive e ando' sotto la cresta dell'onda. Su un'onda normale è una manovra senza rischi  ma in questo punto il reef è profondo fino a 200 metri così quando l'onda si rompe ti travolge. L'onda era troppo potente e lo risucchiava indietro sopra la cresta, questa posizione è praticamente il peggior incubo di un surfista, per questo motivo tante persone sostengono che questa foto è photoshoppata, ma vi assicuro non lo è! "  © Stuart Gibson / Red Bull Illume

27 agosto 1890 nasceva Man RayDi sicuro, ci sarà sempre chi guarderà solo la tecnica e si chiederà "come", mentre...

Pubblicato da Giulia Adami Fotografo Eventi Verona su Martedì 27 agosto 2013

Nostri Clienti

Logo Comune di Verona
Comune di Verona
Gestione di Manifestazioni del Comune di Verona
Logo Provincia di Verona
Provincia di Verona
Ideazione e Gestione dei festeggiamenti in occasione dei 150 anni dell'Unità d'Italia
Logo Banco Popolare
Banco Popolare
Documentazione a Palazzo Altieri a Roma e nella Sede di Verona
Logo Università di Trento
Università di Trento
Documentazione Consegna Diplomi di Laurea
Logo Volkswagen Vicentini
Volkswagen Vicentini
Gestione Evento di Presentazione Nuova Tiguan
Logo Fabriano
Fabriano
Documentazione Eventi Aziendali per 750 anni dalla Fondazione
Logo Palazzo Castellani
Palazzo Castellani
Ideazione e Gestione Rassegna di Eventi
Logo Straverona
Straverona
Gestione Eventi Collaterali